buzzoole code Il Mondo di Mr Tozzo: febbraio 2017

martedì 28 febbraio 2017

E' giusto chiedere quale sarà il RAL prima del colloquio ?

Work
Fonte Foto: https://goo.gl/nBGIxy



Prendendo spunto dal post di Luca Lovati (che puoi trovare qui: https://goo.gl/49x7qq) non vedo niente di male nel chiedere prima di un colloquio quale sarà il possibile RAL (almeno un range ) presso la nuova azienda. 
Considerando che per venire a fare un colloquio devo: 1) Prendere un giorno di ferie o ore di permesso 2) Se il colloquio è in una città diversa pagarmi le spese per il viaggio e l'eventuale pernottamento 3) Impegnare il mio tempo
Inoltre 1) Nel 90% dei casi l'HH sparirà senza dare nessun feedback 2) Spesso la realtà si discosta da quello scritto nell'annuncio di lavoro (scoprendolo solo dopo) Se poi il candidato ha esperienza lo trovo ancora più giusto (e onesto) in questa maniera nessuno perderà tempo (le famose soluzioni WIN-WIN).

venerdì 24 febbraio 2017

COME INSERIRE IL TASTO "DONAZIONE" DI PAYPAL SUL NOSTRO BLOG

Donazioni
Fonte Foto; https://goo.gl/P6b56Y


Quando una persona apre un blog spera sempre di riuscire a guadagnare qualcosa grazie alla sua passione. Esistono due tipi di guadagno, quello diretto (ad esempio le affiliazioni) oppure quello indiretto (usare il blog per attirare clienti). 


Sicuramente se giri sui blog avrai notato che molti hanno un tasto per ricevere le donazioni, il ragionamento che fanno molti blogger è il seguente: "io ti fornisco molte informazioni utili e tu quando (e quanto) vuoi mi fai una piccola donazione". 

Nessun problema con questo tipo di ragionamento anche perché non si diventa ricchi con le donazioni, al massimo (come scrivono in molti) ci puoi comprare una pizza. Se sei interessato a questo argomento, ovvero "si guadagna con le donazioni?", ti consiglio di leggere questo post: Guadagnare Online Con Le Donazioni Paypal è Possibile? 


COME SI CREA IL TASTO DONAZIONE ?

Creare il tasto Donazione con PayPal è molto facile, prima di tutto dovete avere il vostro account su http://www.paypal.it/ e accedere al vostro account. 

Se vuoi far apparire proprio il logo di PayPal - Fai una Donazione allora dovrai avere un account PayPal Business altrimenti se hai un account normale continua a leggere questo post per capire come creare il nostro tasto Donazione. 

Una volta dentro il tuo account dovrai creare, se già non l'hai fatto, il link https://paypal.me/ che ti permetterà di ottenere soldi in tutta sicurezza. Una volta creato l'url sarà il seguente https://paypal.me/NOME_UTENTE, una volta creato ti basterà condividerlo con chi vuoi te per avere i soldi. 

"Esempio: sei fuori in vacanza e ti devi far mandare i soldi dai tuoi ? Ti basterà inviare il link https://paypal.me/NOME_UTENTE per farti accreditare i soldi"

Semplice vero ? La stessa cosa la potete fare per il vostro sito web e farlo credimi è veramente semplice. Scaricati una foto che rappresenti il tasto donazione di paypal e poi caricalo sul tuo sito, a questo punto dovresti ottenere un url del tipo: https://miositoweb.it/foto.jpg . Non te la scordare perché ci servirà.

A questo punto dovrai usare del codice HTML (poca roba tranquillo) che dovrai inserire nella sezione del tuo blog dove vorrai farlo apparire.


**********************************CODICE HTML**********************************
<br /><a href="https://paypal.me/NOME_UTENTE"><img src="https://miositoweb.it/foto.jpg " /></a><br />
**********************************CODICE HTML**********************************


CONCLUSIONI

Il vostro tasto per le donazioni è pronto ma non aspettatevi di diventare ricchi, se volete sapere qualcosa in più sui guadagni diretti e indiretti con il blog ti consiglio di leggere questi post: 





Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.

lunedì 20 febbraio 2017

[FACEBOOK IN PILLOLE]: COME NON FARSI TAGGARE SU FACEBOOK

Facebook in pillole NO TAG
Fonte Foto: https://goo.gl/kQJtJg




Una delle cose più fastidiose di Facebook è quando ti taggano in una foto (o video), solitamente al limite della decenza, senza avvisarti prima e ricevi 40 notifiche al minuto dei vari commenti e like che hanno lasciato le altre persone che sono state taggate insieme a te. Ma si può uscire da questo inferno ?



La risposta è si possiamo uscire da questo "Social Inferno" e lo strumento per farlo ci viene fornito dallo stesso Facebook, infatti ci basterà effettuare una piccola modifica nella sezione Privacy del nostro profilo per vivere felici e contenti. 


MODERIAMO I TAG

Tramite questo intervento andremo ad applicare una regole di moderazione sui tag, ovvero ogni volta che ci taggano in una foto (o video) a noi arriverà una notifica che ci segnalerà il TAG e chiederà se vogliamo far apparire sulla nostra bacheca la foto (o il video) dove siamo taggati. 

Se vogliamo applicare questa moderazione bisogna andare su "Impostazioni sulla Privacy" e poi devi andare su "Modifica Impostazioni" di "Funzionamento dei TAG". 

In questa sezione possiamo decidere le regole da applicare per i TAG, questa semplice operazione renderà la vostra permanenza su Facebook migliore alla fine basta poco per per vivere le cose al meglio. 


CONCLUSIONI

Non deve essere lo "strumento" a dominare noi (e la nostra esistenza), ma dobbiamo essere noi a dominare lo "strumento" migliorando così la nostra User Experience. 

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.

venerdì 17 febbraio 2017

COME PUBBLICARE UNA FACEBOOK STORIES

Stories
Fonte Foto: https://goo.gl/kQJtJg

Se hai un account Facebook sicuramente ti sarai accorto che Zio Mark ha lanciato le Stories, si le stesse che trovi su Instagram e su Snapchat ma visto che qui si parla di Facebook sicuramente avranno più successo. 


Le Facebook Stories sono disponibili per tutti da qualche giorno e per ottenerle ti basta aggiornare l'applicazione di Facebook (sia per iOS che per Android). Una volta aggiornata troverete le Storie in alto come accade per Instagram.






Cliccando su "La tua storia" potrai vedere le storie che hai appena pubblicato (durano al massimo 24 ore), mentre cliccando sulle foto dei tuoi amici potrai vedere le loro storie. Se invece ne vuoi caricare una nuova dovrai cliccare sull'icona della macchinetta fotografica che trovi in alto a sinistra. 

A questo punto ti si apre una schermata (in stile Instagram) che ti permetterà di scattare una foto (o fare un video) e fare una "leggera post-produzione" con gli effetti speciali che Facebook mette a disposizione. 





Una volta finito possiamo passare alla pubblicazione cliccando sulla freccia, ora qui dovete fare attenzione perché la foto (o il video) delle Stories può essere pubblicato solamente sulle Stories o anche sulla bacheca.





Se lo vuoi pubblicare solo sulle Stories dovrai spuntare la voce "La tua storia" se invece la vuoi pubblicare anche sulla bacheca dovrai spuntare la voce "Pubblica". 


A COSA SERVONO LE STORIES?

Lo scettico ti risponderà a un cazzo (ma del resto risponde sempre così a tutte le novità dei Social), altri potrebbero dire per cazzeggiare (giusto) ma può servire anche per chi usa i Social per lavoro. E' lo stesso concetto per le Stories di Instagram: 


"Le Stories servono per aumentare le visualizzazioni al proprio profilo, quindi le probabilità di prendere un LIKE in più e quindi, se lo usi per lavoro, aumentare la possibilità di trovare un cliente."


CONCLUSIONI 

Hai già iniziato ad utilizzarle le Storie di Facebook? Cosa ne pensi? Lascia il tuo parere nei commenti sotto questo post. 

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.



martedì 14 febbraio 2017

GMAIL SENDER ICONS: MIGLIORA LA GRAFICA DELLE ICONE DEI DESTINATARI SU GMAIL

Gmail
Fonte Foto: https://goo.gl/X4EAYj


Gmail è il servizio email che Google mette a disposizione per i suoi utenti, ha molti pregi e uno di questi è la personalizzazione che rende lo strumento ancora più gradevole da usare. 


Oggi ho scoperto una nuova personalizzazione che come utilità ha solo quello di migliorare l'aspetto estetico, ma che a me è piaciuta molto. Se usate Gmail sicuramente avrete notato che etichetta l'email in base al mittente (quindi se la ricevete dalla vostra banca ci sarà il nome della vostra banca, se arriva facebook ci sarà scritto facebook), tanto comoda quanto bruttina esteticamente. 

Comoda perché ti permette di avere l'email ordinate e da oggi sarà anche una funzione esteticamente carina. Per dare un tocco di classe alle tue email ti basterà scaricare (e installare) un plugin per Chrome e questo sarà il risultato. 





Carino vero ? Si lo so lo so il logo di Google rimane comunque brutto, ma guardate quello di Amazon che carino? Utilità ? Nessuna, è solamente una miglioria estetica. Se volete scaricare anche voi il plugin per ottenere i loghi vi basterà cliccare qui: Gmail Sender Icons


CONCLUSIONI

Alcune volte per migliorare un servizio, già ottimo, basta veramente poco e come si dice "anche l'occhio vuole la sua parte". Cosa ne pensate? Vi piace ? Lasciate i vostri pareri nei commenti sotto questo post. 

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.

giovedì 9 febbraio 2017

TINEYE: IL TOOL PER SCOPRIRE DA DOVE PROVIENE UNA FOTO

tineye


Il problema di quando pubblichiamo una foto sul web è che qualsiasi persona può scaricarla e pubblicarla come se fosse la sua. Quando scrivi un post per il tuo blog e cerchi una foto devi essere sempre sicuro che quella foto la puoi utilizzare liberamente. 


Stai cercando una foto per il tuo ultimo post e finalmente la trovi su un sito dove la puoi scaricare e utilizzare senza problemi, ma sei sicuro che quella foto proviene proprio da quel sito? Sei sicuro che la puoi utilizzare senza problemi? 

Hai caricato le tue ultime foto su Flickr o 500px ma sei sicuro che nessuno l'ha scaricate e poi "rivendute" come sue ? A tutte queste domande si può rispondere con un web tool che ho trovato girando sul web: TinEye


CERCHIAMO LA FONTE

Effettuare una ricerca è molto semplice infatti una volta arrivati sul sito ci basterà inserire l'url della foto o caricarla con il tasto UPLOAD. Una volta eseguita questa operazione questo sarà un possibile risultato. 


risultati




La foto selezionata compare su molti siti (questa è solo una parte del risultato), capite bene che questo strumento vi permetterà di capire se le vostre foto sono utilizzate in maniera illecita da altri siti. 


CONCLUSIONI

La sicurezza assoluta sul web non esiste e in fatto di copyright (anche se si è scritto e parlato molto) non si è mai al sicuro completamente. Questo può essere uno strumento valido per difenderci, cosa ne pensi? Ne conosci altri? Lascia il tuo contributo nei commenti sotto questo post. 

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.


mercoledì 8 febbraio 2017

GLI OVER 50 SONO LA VERA PIAGA DI WHATSAPP




Molte volte, quando viene fatto un cattivo uso, diamo sempre la colpa alla tecnologia e mai a chi ne fruisce. WhatsApp è una vera rottura di palle, ci spia, ci fa prendere i virus, riempe la memoria del nostro smartphone ed assillante con i suoi avvisi. Ma siamo proprio sicuri che è colpa di WhatsApp? 



WhatsApp è stata la prima applicazione per smartphone che permette di chattare "gratis" (anche se non è proprio così) con i nostri contatti, l'abbiamo installata tutti e magari sullo smartphone di qualcuno è ancora presente. 

L'abbiamo prima amato e poi odiato, l'abbiamo incolpato dei nostri problemi tecnologici ma non ci siamo mai soffermati su un concetto: "non è che siamo noi che lo usiamo male?"


Tweet: "Il problema è WhatsApp o chi lo usa ? "


Il problema non è WhatsApp ma il problema siamo noi e come ci approcciamo alla tecnologia, i peggiori sono gli over50 ovvero quelle persone che non sono nate con la tecnologia ma che ne sono stati tirati dentro (e alcune volte a forza).

Attenzione:  naturalmente non si può generalizzare perché non tutti sono uguali, come non tutti i 20enni sono smart e tech addict. Ma che problemi hanno gli over50 con WhatsApp ?

Quello più grosso che ho riscontrato è l'abuso che ne fanno, con la scusa che possono chattare "gratis" (ripeto non è proprio così) ti tempestano di messaggi mandandoti la qualunque. In ordine sparso generalmente ti mandano le seguenti cose:


  • Barzellette stravecchie  
  • Gif Porno
  • Frasi motivazionali 
  • Foto con frasi presi da altri siti
  • Link 
  • Video di tutti i generi 
  • Catene di S. Antonio

CHE PROBLEMI HAI CON GLI OVER50 ?

Io non ho nessun problema con gli over50 ma con il loro utilizzo della tecnologia si ! Sia chiaro, anche io con gli amici mando stronzate su Telegram ma sempre in modo moderato. I veri problemi di questo utilizzo sbagliato della tecnologia sono i seguenti. 

BRUCIARE I GIGA

Non sempre abbiamo la possibilità di essere collegati ad una rete WiFi, quindi quando andiamo a scaricare i vostri allegati (che mediamente pesano sempre 3/4 MB) andiamo a bruciare i nostri GIGA mensili

Come ho risolto questo problema?  Ho bloccato il download automatico degli allegati su WhatsApp, per farlo ti basta andare su Impostazioni ==> Chat  e poi disabilitare la voce "Salva media ricevuti". 


FIGURE DI MELMA

Non sono uno che si scandalizza, ma se sono a lavoro e mi arriva un messaggio con la foto di una con le tette di fuori oppure mi arriva il video di uno che rutta e in quel momento mi passa vicino il collega (o peggio ancora il capo) capite bene che uno fa una bella figura di melma. 



Come ho risolto questo problema?  Ho bloccato il download automatico degli allegati su WhatsApp, per farlo ti basta andare su Impostazioni ==> Chat  e poi disabilitare la voce "Salva media ricevuti".


LINK MALIZIOSO

Nessun smartphone è sicuro, tutto è hackerabile, e anche la persona più fidata ti può mandare un link malizioso ovvero uno di quei link ti infettano lo smartphone.

Come ho risolto questo problema? Non apro link o se proprio lo devo aprire prima controllo la fonte, come? Con questo strumento: http://www.getlinkinfo.com/.


CATENE DI S.ANTONIO

Queste sono le peggiori perché se una volta ti arrivava questo tipo di messaggio: "Se interrompi questa catena non farai sesso per i prossimi 12 mesi", adesso arrivano messaggi del genere "Attenzione è tutto vero, dal primo gennaio WhatsApp diventerà a pagamento ma se inoltri questo messaggio a tutta la tua rubrica per te rimarrà gratis."

Contro questa cazzata  l'unica difesa è prendere il messaggio e cestinarlo. 


CONCLUSIONI

Ripeto non tutti gli over50 sono così, però la maggior parte si e allora cerchiamo di cambiare e non diamo sempre la colpa alla tecnologia. Se proprio non volete cambiare, problemi vostri io sono andato su Telegram

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.

lunedì 6 febbraio 2017

GRANDE GIOVE....MICA VOLETE PERDERVI QUESTA FIGATA !!

sponsored




Esistono alcuni film che segnano una generazione e che ti porti dietro per tutta la vita, sono quei film che puoi vedere centinaia di volte ed è sempre come la prima volta. Sono quei film che non stancano mai e che ti riportano indietro (in questo caso nel vero senso della parola). 



Parlo del film Back To The Future, o come è conosciuto ai più in Italia "Ritorno al Futuro", il primo film della trilogia  uscì nel 1985 diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd.







Il secondo episodio uscì nel 1989 mentre il terzo e ultimo episodio usci nel 1990, i tre episodi  sono ambientati nel 1955, 1985, 2015 e 1885. Su Amazon la sezione GEEK mensilmente pubblica il GEEK MIX dove puoi comprare per un tempo limitato (in questo caso dal 30 gennaio al 28 febbraio 2017) alcune chicche GEEK. 

Questo mese tocca alla trilogia di Ritorno al Futuro, in questo GEEK MIX troverete i seguenti oggetti: 

  • Steelbook Trilogia Ritorno al Futuro: raccolta completa dei film in formato Steelbook, con un Bonus Disc ricco di contenuti speciali.
  • Funko Pop Dottor Emmett Brown: il simpaticissimo funko pop del "Doc" in tutti i suoi dettagli; tuta bianca, occhialoni protettivi e il telecomando della Delorean.

Grande Giove... Mica volete perdervi questa figata !!! 


Se volete comprare questa chicca cliccate qui: https://goo.gl/8Io9qg


venerdì 3 febbraio 2017

COME SCOPRIRE GLI ARGOMENTI PIÙ "HOT" DEL WEB

trend topic
Fonte Foto: https://goo.gl/HN2XOP


Quando dobbiamo creare un post al giorno, ma anche un post alla settimana, non è sempre facile trovare l'argomento giusto da trattare. Quando scriviamo un post sul nostro blog l'obiettivo è anche quello di portare traffico, ma come trovare l'argomento giusto? 


Il web è pieno di tool che fanno queste ricerche al post nostro, il più famoso di tutti è Google Alert, però secondo me è sempre un bene avere più di uno strumento che fa lo stesso lavoro per avere più informazioni possibili e per verificare la bontà del lavoro dei tool che stai utilizzando. 


TRENDS EXPLOSION 

Ho scoperto questo tool grazie a Robin Good e devo dire che Trends Explosion  fa il suo onesto lavoro e il sito ha una grafica semplice (senza fronzoli) ma che rende l'utilizzo del sito veramente comodo. 

Una volta arrivati sul sito possiamo 4 tipi di ricerche: 

  • Google Trends
  • Twitter Trends
  • Youtube Trends
  • Parole Suggerite

I primi tre ti permettono di vedere in tempo reale tutto ciò che è trend su Google, Twitter e Youtube. Questo può essere utile se vogliamo scrivere un post partendo da un argomento "HOT" della giornata. 

Ad esempio se clicchiamo su Google Trends  vediamo questa schermata. 





Per ogni notizia ti fornisce tre valori importanti per capire se vale la pena creare una notizia intorno al singolo argomento: 

  • Il traffico approssimativo che genera
  • Le ultime notizie su questo argomento 
  • Le parole suggerite da Google correlate 

Parole Suggerite invece è utile se abbiamo già in mente un argomento e vogliamo avere più informazioni. Ad esempio se scrivo Telegram Bot questo è il risultato. 





Se clicchiamo su "Ulteriori combinazioni" il tool ci fornisce altre combinazioni di keywords. 


CONCLUSIONI

Insomma anche questo tool, secondo me, è da mettere nei preferiti e magari affiancarlo a Google Alert. Voi ne conoscete altri di tool simili? Cosa ne pensate di questo? Lasciate il vostro contributo nei commenti sotto questo post. 

Se hai trovato il post utile puoi contribuire alla crescita di questo blog condividendolo sui tuoi Social Network.